Al momento stai visualizzando Centinaia di bici rumorose contro il Passante

Centinaia di bici rumorose contro il Passante

Centinaia di biciclette chiassose hanno attraversato le strade di Bologna per protestare contro il progetto di allargamento del ‘Passante di Mezzo’: associazioni ambientaliste, comitati, giovani e anziani, famiglie con i bambini, hanno pedalato per più di otto chilometri per ribadire che allargare un’autostrada nuoce gravemente alla salute ed è contro la transizione ecologica.

Sui social, foto e video raccontano quanto bella e partecipata è stata questa giornata di mobilitazione bolognese. Che segna un altro passaggio importante nel percorso di opposizione all’infrastruttura: le mezze misure, chiamate ‘mitigazioni e compensazioni’, non sono un’opzione e, di fronte all’emergenza climatica, è necessario cambiare radicalmente rotta.

(continua dopo le foto)

Pochi giorni fa, in un’intervista, il prof. Vincenzo Balzani ha ricordato il rapporto dell’IPCC sul riscaldamento globale che evidenzia la marcia del Pianeta verso la catastrofe, e le parole del segretario delle Nazioni Unite che aveva osservato che ‘siamo di fronte a un allarme rosso per l’umanità’. “A queste parole – ha detto Balzani – ci crediamo o non ci crediamo?”. Centinaia di persone hanno dimostrato non solo di crederci, ma di voler contribuire a costruire quella rivoluzione ecologica indispensabile per lasciare alle prossime generazioni un territorio nel quale vivere dignitosamente. A non credere alla scienza, invece, sono rimaste/i coloro che siedono nelle istituzioni, incapaci di immaginare un mondo nel quale l’inerzia legata agli interessi economici possa essere scardinata dall’affermazione della giustizia climatica.

(continua dopo il video)

Se qualcuna/o non l’avesse ancora capito, il punto non sono quanti alberi saranno piantati, quanti pannelli fotovoltaici installati, e quali altre mirabolanti tecnologie saranno estratte dal cilindro di chi vuol giustificare l’approvazione dell’opera: il punto è fermare un allargamento che cementifica altro territorio e fa crescere il traffico e l’inquinamento, per costruire un cambio di paradigma radicale che, per dirla ancora con Balzani, ci porti dalle energie fossili alle rinnovabili, dal trasporto su gomma a quello collettivo.

Nei prossimi giorni, sentiremo ripetere ancora la litania del ‘passante di nuova generazione’, come se uno slogan smentito dai dati degli stessi progettisti potesse ingannare le/i bolognesi. Ma quel che conta non è cosa farà la Conferenza dei Servizi, né cosa diranno Ministri, Presidenti di Regione o Sindaci: quel che conta è essersi (ri)trovate/i in tante e tanti nelle strade di Bologna: perché, se rivoluzione climatica sarà, non potrà che nascere da una comunità plurale e determinata, capace di scardinare gli interessi che da troppo tempo orientano le decisioni istituzionali. Sui pedali, abbiamo visto una comunità allegra, chiassosa, creativa e dalle idee molto chiare: il passante non si deve allargare.   

Lascia un commento